Huma jmorru lura għal Frar 2020 l-ewwel kuntatti tiegħi mal-Forza ta 'l-Ajru u f'Settembru ta' wara l-konferma ttamata li kont mistenni minn 72 ° Stormo "Marcello de Salvia" imma, fuq uġigħ tas-sitwazzjoni pandemika kontinwa, iż-żjara mistennija ġiet posposta għall-aħħar jiem ta 'Mejju li għadhom kemm intemmu.

Fl-aħħar nasal fi Frosinone, all’aeroporto militare “Girolamo Moscardini” dove è basato lo Stormo il cui compito è svolgere i previsti corsi per il conseguimento del Brevetto di Pilota Militare – Linea Elicotteri per i piloti dell’Aeronautica Militare, kif ukoll korsijiet biex tinkiseb il-liċenzja tal-pilota tal-ħelikopter militari tal-Forzi Armati l-oħra. u l-Korp Armat tal-Istat.

It-72 għandu bħala l-motto tiegħu "MULTUM IN PARVO" jew "B'FITTX" li, kif se naraw, huwa verament fuq il-post.

 

 

 

IT-72 IT-TORMA: daqsxejn ta 'storja ...

Stabbilit fl-ajruport ta 'Frosinone nhar 21 Ġunju 1985, it-72 ° Stormo jiġbed l-oriġini tiegħu mid-Dipartiment tat-Taħriġ tal-Ħelikopters, stabbilit fl-Ajruport ta ’Urbe, riħa, fl-1 ta 'Frar 1953. Mgħammar bil-Qanpiena 47D-1 u WS-51, kienet l-ewwel unità AM iddedikata għall-ġwienaħ li jdur, bl-ewwel ħelikopters ikkunsinnati f’Diċembru tal-54. Is-sala mbagħad ġiet trasferita, li jibda minn April ta ''55, għall-lokazzjoni attwali tagħha, fl-ajruport "Girolamo Moscardini" fi Frosinone, fejn biddel ismu u sar "Ċentru tal-Ħelikopters", imbagħad artikolat fuq il-Grupp 208 ° Scuola Volo (l- "Mitejn eċċellenti", kif jħobbu jsejħu lilhom infushom) u fl-209 Grupp Volo Impiego. Iċ-ċentru, l- 15 Frar 1960, se jsir "Skola tat-Titjira tal-Ħelikopter A.M.", mgħammra b'AB 47G2, AB 47J e, wara, AB 204B.

Bħalissa t-72 ° Stormo hija l-unika skola militari għall-piloti tal-ħelikopters fl-Italja (in-Navy tħarreġ kemm piloti ta 'ġwienaħ fissi kif ukoll ta' ġwienaħ rotatorji barra l-pajjiż) u fl-istorja tagħha ffurmat iktar minn 5000 piloti tal - ġwienaħ li jduru li minnhom biss 20% dwar l-appartenenza għall-Armata Blu!

Illum il-Stormo huwa mgħammar b'ħelikopters TH 500B u HH 139, l-ewwel wasal f'Mejju 1990 u s-sekondi matul 2014.

Minbarra l-kompiti istituzzjonali, huwa impossibbli li ma nsemmux l-impenn barra l-pajjiż, bl - iskjeramenti fl - Albanija u l - Kosovo fl - 2006 1999, meta l-ħelikopters u l-persunal ġew skjerati fl-ajruport ta 'Dakovica biex jappoġġjaw il-kontinġenti Taljani u tan-NATO tal-KFOR (Forzi tal-Kosovo) u, minn 2000, fl-Eritrea bħala parti mill-missjoni UNMEE (Missjoni tan-Nazzjonijiet Uniti Etjopja-Eritrea). L-aħħar missjoni se tiskadi fi ftit jiem 20 anni dal ritorno degli elicotteri dalle terre rosse del martoriato paese dell’Africa nord-orientale. Hawn taħt tista 'tara, grazie alla Troupe Azzurra dell’Aeronautica Militare che ne ha gentilmente concesso l’uso, una rara fotografia dei TH 500B nella bianca livrea dell’ONU in uso in quel teatro.

Attualmente, alle dipendenze del 72° Stormo, intitolato alla Medaglia d’Oro al Valor Militare​​ Sergente Pilota Marcello De Salvia, operano il 208° Gruppo su TH-500B e UH-139, il GIP (Gruppo Istruzione Professionale), il 472° Gruppo STO (Servizio Tecnico Operativo), il 572° Gruppo SLO (Servizio Logistico Operativo), il GEA (Gruppo Efficienza Aeromobili) e la Compagnia Protezione delle Forze.

Il-Ġwienaħ huwa impjegat mill-Kmand tal-Iskejjel AM / 3 ^ R.A.. minn Bari.

 

.... U l-AJRUPORT tiegħek

Ajruport ta ’Frosinone, imsemmi wara l-Kaptan Girolamo Moscardini li waqa 'għand 27 snin ma ’Breda tiegħu 33 l- 3 Awissu 1932 fis-smewwiet ta 'Castellanza, tinsab fin-Nofsinhar ta ’Lazio, fiż-żona msejħa Ciociaria.

Ix-xogħlijiet biex jittrasformawh f'ajruport veru bdew fl 1936, fejn għal snin kien hemm biss kamp improviżat u ladarba lest, bl-iskeda tal-ordni Nru 7 il 5 Marzu 1939, l-installazzjoni mġedda ħadet l-isem ta 'Ajruport Armat tat-3 Klassi u saret is-sede tal-ewwel skola tal-perjodu għall-piloti mhux uffiċjali kummissjonati.

mill 1944 għall- 1946 ospita l-Iskola tat-Taħriġ tal-Bomber and Fighter, li magħhom ingħaqdu, fl-aħħar tal-kunflitt, ukoll Trasport e, minn 1947, ukoll korsijiet tan-Navigazzjoni bl-Ajru.
Fil-grawnd tal-ajruport huwa insista minn dakinhar 1967 ukoll l-impjant tal-Ħelikopters tan-Nofsinhar (issa AgustaWestland SpA, parti mit-Taqsima tal-Ħelikopters Leonardo) li dak iż-żmien ħa ħsieb il-kostruzzjoni ta 'parti mis-CH 47 Chinooks destinati għall-Armata Taljana.

Di fronte alla continua esigenza operativa e addestrativa della Forza Armata nel settore del trasporto aereo tattico e strategico, e alla possibilità di trovare nuove realtà addestrative in ambito nazionale, il 72° Stormo ha riattivato la propria capacità, già sperimentata 15 snin ilu, quando un C-130J della 46ª Brigata Aerea atterrò sulla pista in erba presente sul sedime aeroportuale.
Pista unica nel suo genere, sia per la provata consistenza della superficie in erba, sia per essere la più lunga sull’intero territorio nazionale, a livello sedimi militari, grazie ai suoi 1.427 mt di lunghezza tutti utilizzabili, venne utilizzata negli anni ’50 anche per le prove dei G 91 (guardate il video dell’Aeronautica Militare qui sotto, veramente interessante) u dan l-aħħar (Ottubru 2020) è stata ancora impiegata da un C 130J della 46ª Aerobrigata per decolli e atterraggi.


 

LA GROUND SCHOOL: ejja nidħlu fil-qalb !

Qabel ma tpoġġi fuq is-sedil ta 'quddiem tax-xellug tat-TH 500B, piloti futuri tal-ħelikopters huma fdati lill-GIP (Gruppo Istruzione Professionale) min jieħu ħsieb lectures u sessjonijiet tal-klassi fuq 2 simulaturi li l-iskola hija mgħammra bihom.

F'din il-fażi tal-edukazzjoni, tintuża l-pjattaforma edukattiva ta 'tagħlim elettroniku open-source Moodle, sistema ewlenija għat-tagħlim tal-Forza Armata fil-mod ta 'tagħlim elettroniku. I contenuti didattici sono stati installati su un web server esterno e distribuiti via internet sia ai frequentatori piloti che ai frequentatori del corso “Ala Rotante” per la manutenzione degli aeromobili. Le lezioni vengono seguite in un’aula dotata di 25 PC connessi via LAN, controllati dalla postazione dell’insegnante e durano dalle 3 li 7 settimane, in base alla tipologia del corso.

 

I SIMULATORI: alleati preziosi

I 2 simulatori, di cui gli allievi dispongono, huma kapaċi jirriproduċu l-kundizzjonijiet reali kollha tat-titjira f'diversi kundizzjonijiet tat-temp, inklużi dawk ta 'viżibilità baxxa u titjira bl-istrumenti.

Is-simulatur TH 500B (ara li il-video fuq il-kanal YouTube tal-Air Force): inawgurat nhar 13 Settembru 2013 fil-preżenza tal-Kap tal-Ġeneral SMA SA Pasquale Preziosa ta ’dak iż-żmien,
è stato costruito da Seles ES con la collaborazione del personale dell’Aeronautica Militare e utilizza una cellula reale dell’elicottero priva di quasi tutti gli impianti ma perfettamente integra per quanto riguarda la fusoliera e il cockpit.
Il cruscotto è realizzato con un monitor posto sotto il pannello strumenti e i quadranti sono riportati con grande realismo. Il software riproduce il comportamento dell’elicottero, dei sistemi e degli impianti di bordo e riceve gli input dai comandi di volo (ciclico, collettivo e pedaliera) u mill-iswiċċijiet kollha, buttuni u pumi fil-kompartiment tal-passiġġieri.
Ix - xenarju estern huwa riprodott minn 4 projetturi fuq mega-screen semi-ċilindriku li jiżgura kamp viżiv ta '180 ° orizzontalment u 72 ° vertikalment. Hemm ukoll stazzjon ta 'għalliem li minnu jista' jiġi kkontrollat ​​is-simulatur (pereżempju billi tvarja l-kundizzjonijiet tat-temp jew billi ddaħħal diversi anomaliji u ħsarat fuq il-magna), minbarra li tissorvelja l - kompartiment tal - passiġġieri ma ' 2 kameras u, anke, pilotaġġ ta 'ħelikopter virtwali b'joystick li jista' jintuża biex jissimula titjira fil-formazzjoni.

Is-simulatur FNPT (Trainer tal-Proċedura tat-Titjira u tan-Navigazzjoni):minflok jippermettilek li ssir familjari mal-ġestjoni ta 'ħelikopter aktar modern, b'żewġ magni u b'tagħmir differenti. Dan l-aħħar ġie kkunsinnat fit-72 u jista 'jirriproduċi l-pilotaġġ tal-HH b'rejaliżmu kbir 139 e di tutti gli elicotteri della famiglia del bimotore AgustaWestland che tanto successo ha avuto e sta tuttora avendo in tutto il mondo, tanto da essere entrato in servizio in tutti i Corpi Armati e Amministrazioni dello Stato a cui appartengono i frequentatori di Frosinone.
Anche in questo esemplare è possibile riprodurre condizioni meteo estreme (con fulmini e pioggia molto realistici), avarie, traffico esterno e tutto quanto necessario ad incrementare la capacità addestrativa, abbattendo i costi dell’attività di volo.



I VELIVOLI DEL 72° STORMO: dalla finzione alla realtà

La dotazione comprende 2 macchine che la Designazione Armaereo battezza TH 500B e HH 139

TH 500B alias Breda Nardi NH 500E, derivato dall’originale Hughes OH 6 Cayuse, costruito attualmente dalla MD Helicopters come MD 500 u, nel nostro caso, costruito su licenza in Italia dalla Breda-Nardi di Monteprandone (AP). Anche la Breda-Nardi è stata acquistata nel 1989 da Agusta e ora è entrata a far parte della galassia Leonardo. Il primo dei 50 elicotteri ordinato è stato consegnato il 26 Mejju 1990.

L-NH 500E huwa ħelikopter ħafif (il-piż massimu tat-tluq 1300 madwar kg), quadriposto di dimensioni contenute con rotore pentapala azionato da un turboalbero Allison 250-C.20.B da 420 hp ta 'enerġija.
Jintuża mad-dinja kollha bħala trainer minħabba l-karatteristiċi tas-sempliċità tiegħu u huwa meqjus estremament formattiv minħabba n-nuqqas ta 'għajnuniet eċċessivi għall-pilotaġġ. fil-qosor, magna biex titgħallem issuq mingħajr kompjuter u servos, bl-unika għajnuna taċ-ċikliku, kollettiv, pedaliera e una buona dose di sensibilità al fondoschiena.
La versione presente a Frosinone, oltre all’addestramento, può anche assolvere missioni di MEDEVAC (evacuazione medica) ma 2 barelle sistemate nella cabina posteriore di traverso utilizzando 2 sportelli bombati e Concorso SAR (Search And Rescue).L’elicottero inoltre può essere dotato di galleggianti (dall’autunno del 2019 è ricominciato l’addestramento alle operazioni sull’acqua c/o il lago di Bracciano), pattini da neve, verricello, gancio baricentrico e serbatoi ausiliari. It-TH 500E jippermetti wkoll taħriġ fit-titjir bl-istrumenti b'regoli tat-titjir viżwali, mhux helikopter iċċertifikat mill-IFR.

Fil-kuntest tat-72 huwa mlaqqam "Samba" (li hija wkoll is-sejħa bir-radju tal-Merħla) biex tenfasizza ż- "żfin" li jwettaq il-ħelikopter meta jkun pilota mill-viżitaturi, speċjalment jekk fl-ewwel titjiriet.

HH 139 magħruf ukoll bħala AW 139. Il-Forza Armata għandha diversi verżjonijiet tat-twin-magna Taljana fis-servizz u dik preżenti fi Frosinone hija l-Utilità, ikkonfigurat bi 12 sedili tal-passiġġieri (3 fajls minn 4) + i 2 piloti. E’ una macchina di medie dimensioni, con un peso max al decollo di 6800 kg, anch’esso con rotore pentapala, dotato di 2 turboalberi Pratt & Whitney PT6C-67C da 1530 shp ciascuno.
E’ decisamente più prestante del piccolo “TH” e consente ai piloti in addestramento di prendere confidenza con una macchina molto vicina a quelle che troveranno poi nei reparti operativi, con Glass Cockpit e autopilota a 4 assi.

In grado di operare sia di giorno che di notte grazie all’utilizzo di visori notturni (NVG – Night Vision Goggles), in aree particolarmente impegnative, anche da superfici non preparate, in ambienti polverosi, zone innevate o in ambiente marino (l’esemplare del 72° è dotato anche di galleggianti di emergenza). L’elicottero è una macchina particolarmente versatile: in massimo 30 minuti è possibile cambiare la configurazione interna, passando da quella per il soccorso aereo (versione primaria SAR: 5 passeggeri + 1 barella) a quella soccorso aereo e sanitario di urgenza (versione MEDEVAC: l- 2 a 4 barelle) o trasporto passeggeri (versione UTILITY: fino a 14 passeggeri).

 

LA SCUOLA: una variegata realtà

Il 72° Stormo è il Reparto dell’Aeronautica Militare con la più elevata vocazione interforze e interagenzia.

Nei vialetti e nei locali dell’aeroporto transitano allievi con tute di volo di tutti i colori: oltre al classico verde di AM, EI, Capitaneria di Porto e Guardia Costiera, è possibile vedere quelle nere con i profili rossi dei Carabinieri, le blu della Polizia di Stato, le rosse dei Vigili del Fuoco, le grigio antracite della Guardia di Finanza. E qualche volta ci sono anche frequentatori stranieri e i colori aumentano!!!

Lo Stormo che nel 2020 ha celebrato i suoi 60 anni di storia e i 30 anni dall’assegnazione dell’elicottero TH-500B, è una scuola di volo altamente specializzata, ricca di forti competenze professionali e di profonde radici di storia e tradizioni uniche in Italia nel settore dell’ala rotante.

C’è di che andare orgogliosi !!!

La principale missione dello Stormo consiste nel formare e addestrare i frequentatori dell’Aeronautica Militare ai fini del conseguimento del Brevetto di Pilota Militare “Helicopter Track” (MPLHHelicopter Military Pilot Licence Phase 3A and 3B), del Brevetto Militare di Pilota di Elicottero per il personale dell’Esercito Italiano, Carabinieri u Guardia di Finanza, e del Brevetto di Pilota di Elicottero per i frequentatori dei Corpi dello Stato e di altri Paesi stranieri.

La richiesta di collaborazione da parte di altri Paesi , nel recente passato, ha determinato un importante processo di internazionalizzazione della Scuola stessa, da renderla così un punto di riferimento per l’addestramento in tale settore non solo in ambito nazionale, ma anche internazionale.

Il 72° Stormo ha già brevettato piloti provenienti dall’Afghanistan, dal Gibuti, dal Libano, da Malta, dall’Albania e Kuwait. Presso il 72° Stormo sono tenuti anche i corsi PIT (Pilot Instructor Training) per istruttori di volo.

A sottolineare quanto la scuola di Frosinone sia all’avanguardia nel settore, si evidenzia che il Reparto dispone già di istruttori con attestato PBN (Performance Based Navigation) che rappresenta il futuro della navigazione aerea assistita e che soppianterà “in toto” il principio dell’attuale navigazione convenzionale.

 

IL GEA

Il Gruppo Efficienza Velivoli dipende direttamente dal Comandante di Stormo e si occupa della manutenzione e dell’efficienza dei velivoli assegnati allo Stormo, nonché della gestione tecnica in linea volo.
Come illustrato dal Maggiore D. la manutenzione delle 2 macchine in dotazione allo Stormo è molto differente.
L’efficienza dei TH-500B è operata su tre livelli tecnici:

  • 25 sigħat – vengono controllati i sistemi di bordo, i cinematismi e i leverismi;
  • 100 sigħat (ispezione intermedia) – sono effettuate delle verifiche visive alle pale, alla trave di coda, ai portelli d’accesso e al compressore della turbina, oltre alla verifica della tenuta degli impianti idraulici;
  • livello delle 300 ore o 18 mesi calendariali (ispezione maggiore) – vengono rimossi il motore, la trasmissione, xfafar tar-rotor prinċipali u tad-denb u komponenti għal kontroll preċiż u bir-reqqa.

L-ispezzjoni ewlenija tista 'ddum sa 5 xhur u jista ’jsir mill-GEA li għandha l-ħiliet kollha biex twettaqha, jew mit-3 RMAA (Dipartiment tal-Manutenzjoni tal-Ajruplani u l-Armamenti) ta 'Treviso jew mill-MAG (Mecaer Aviation Group) ta 'Monteprandone (AP) li mhu ħadd ħlief il-manifattur oriġinali.

Huwa interessanti li wieħed jinnota li t-TH 500B, b'differenza mill-ajruplani kważi kollha fid-dinja, qatt ma jiskadi: è sufficiente seguire le ispezioni prescritte e l’elicottero dura per sempre.
Nel caso dell’HH 139 minflok, essendo questa una macchina molto più sofisticata, si segue un approccio decisamente più complesso con ispezioni molto più estese e frequenti a tutti i componenti: motori, trasmissioni, comandi di volo, impianti e avionica. Anche in questo caso le competenze del GEA sono abbastanza estese per svolgere la maggior parte dei lavori, anche se per quelli più complessi è necessario l’intervento della ditta costruttrice.

 

PROGETTI FUTURI

It-72 Stormo, in futurocome confermato in un’intervista rilasciata nel febbraio scorso dal Capo SMA Gen. Squadra Aerea Alberto Rossosarà interessato dal trasferimento presso il sedime militare di Viterbo per l’importante progetto della Difesa che vedrà la nascita della prima “Scuola Elicotteri Interforze”.
Un progetto ambizioso che metterà a sistema le capacità ed expertise dell’Esercito Italiano e dall’Aeronautica Militare nel settore dell’ala rotante. Al riguardo si è conclusa l’attività dei Gruppi di Lavoro delle due Forze Armate relativamente ai riscontri nei vari ambiti di competenza (logistico, operativo, finanziario, etc) al fine di fornire i necessari elementi di valutazione.

 

CRONACA DELLE VISITE : la parola ad Aviaspotter!

Appuntamento per le 7:30 sul piazzale: intendo sfruttare la luce bassa e più calda del mattino per immortalare gli elicotteri all’inizio dell’attività giornaliera. Purtroppo il meteo ci mette lo zampino: il cielo è nuvoloso e una fastidiosa caligine riduce la visibilità. Ma non mi perdo d’animo e preparo l’attrezzatura.

Gli Specialisti della linea di volo cominciano a portare sulle piazzole i “TH” con l’apposito carrello a sella e si apprestano a effettuare il lavaggio del compressore. L’accesso al motore del piccolo elicottero è molto facilitato dal cofano bi-valve che funge anche da terminale di fusoliera e l’operazione si svolge velocemente.

Intanto arrivano gli equipaggi e noto immediatamente che quanto mi era stato raccontato sulla vocazione interforze ed interagenzia dello Stormo risponde al vero.

La prima coppia è formata da un Istruttore AM e un frequentatore dei Carabinieri, seguita da un’altra coppia dove alla tuta di volo nera con i profili rossi se ne sostituisce una blu della Polizia di Stato. Gli equipaggi si avvicinano ai loro velivoli e gli allievi si impegnano prontamente nella consultazione dei libretti e nella check list prevolo, seguiti da vicino dagli istruttori. Terminato il giro giunge il momento di salire a bordo, allievo a destra, e di mettere in moto cominciando a far girare il rotore, con l’aiuto del generatore esterno.

Anche i controlli pre-volo a motore acceso vengono completati in breve tempo e le pale dei rotori pentapala possono cominciare a frullare più velocemente, permettendo il decollo dei piccoli addestratori. I movimenti delle macchine in volo denunciano la mano ancora poco allenata dei frequentatori, ma gli spostamenti nervosi termineranno presto, mano a mano che l’addestramento progredirà.

Terminata la sessione fotografica ci muoviamo verso l’ufficio del Tenente Colonnello Giovanni S., Capo Ufficio Operazioni, che ci illustra i compiti istituzionali, il percorso degli allievi, e il futuro dell’aeroporto e del 72° Stormo. Le innumerevoli fotografie sulle pareti dell’ufficio e gli sfondi del computer tradiscono una passione che va ben al di là del semplice “lavoro”, e le sue parole restituiscono l’impegno e la dedizione che sono tratto comune degli insegnanti, oltre che dei militari operativi ai quali il Tenente Colonnello S. appartiene.

Conclusa la piacevole conversazione ci dirigiamo verso il GEA che troviamo brulicante di attività. Ci accoglie il Maggiore Salvatore V., Capo Sezione Controllo Qualità Manutenzione, che ci illustra le principali attività del Gruppo Efficienza Aeromobili e come si sviluppa la manutenzione delle macchine affidate alle loro cure. Il grande hangar ospita diversi elicotteri a vari gradi di manutenzione.

 

Anche l’HH 139, nella sua elegante livrea bianca con il fregio tricolore, è sottoposto alle attenzioni degli Specialisti del 72°: purtroppo oggi non lo vedremo in volo.

Successivamente la serrata scaletta della giornata prevede l’incontro con il Comandante del 72° Stormo, il Colonnello Pilota Davide Cipelletti, per il sottoscritto una vecchia conoscenza del Reparto Sperimentale di Volo.

Ha assunto l’incarico dal 3 Lulju 2019 u, oltre ad essere pilota sperimentatore abilitato su diversi aeromobili ad ala fissa, ora è anche pilota e istruttore sull’ala rotante.

La conversazione è estremamente piacevole, fra vecchi ricordi e attualità del Reparto. Si menziona anche la nevicata del 2012 che mise a dura prova l’intera Ciociaria: in quell’occasione gli elicotteri soccorsero la popolazione residente in diverse località prive di corrente elettrica, riscaldamento ed acqua, recapitando per tempo anche alimenti e medicinali. Diverse, in quella circostanza, furono le operazioni che lo Stormo effettuò in concorso con la Croce Rossa anche per soccorrere persone dializzate.

Ma si conversa anche della rinnovata attività con i galleggianti sulle acque del lago di Bracciano antistanti il Museo dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle.

E ancora del contributo dell’aeroporto come elisuperficie attrezzata e disponibile H24x365 per le esigenze a soccorso della popolazione locale ed in supporto del vicino ospedale di Frosinone
E come non parlare della riattivazione della pista in erba per permettere le operazioni di grandi aerei da piste semi-preparate?

Risulta chiaro l’amplissimo ventaglio di attività, rivolte non solo all’ambito militare ma anche, come giusto e normale che sia, alla società civile e al territorio che ospita la Base.
Nieħu leave tal-Kmandant li verament tani ħafna ħin għax wasal iż-żmien għall-ikel fiż-żona tal-loġistika. Ladarba l-istonku tiegħek ikun mimli, il-kmamar tat-taħriġ u s-simulaturi jistennewna.

Cominciamo con quello del TH 500B… L’esperienza è impressionante!

Nassigurak is-sensazzjoni tat-titjir, anke jekk l-iskidi tal-fuselage użat biex jinbena s-simulatur huma ankrati sew mal-art, huwa realistiku ħafna!

Il giovane frequentatore che mi assiste è decisamente molto paziente e mi guida alla mia “prima volta” sull’ala rotante. Capisco che la coordinazione dei vari comandi è fondamentale e faccio veramente fatica a scollarmi dal modo di pilotare un velivolo ad ala fissa a cui sono abituato. Proviamo decollo, volo orizzontale e tento senza grande successo di posarmi a terra (dove riesco, centrare la piazzola sarebbe stato troppo!!!) in maniera più o meno dolce ma l’impresa è titanica. Lui non solo riesce a farlo in maniera precisa e dolce, ma riesce anche a fare un atterraggio in autorotazione.

Va beh……sarà per un’altra volta, anche perché la nausea si sta impossessando del mio stomaco e devo scendere in fretta.

Una volta a terra (da cui, peraltro, in realtà non mi sono mai staccato!) mi sembra che tutto si muova e ho l’impressione di barcollare un po’.

Mi attende ora un giro sul simulatore del ‘139.

E qui capisco il salto generazionale fra le 2 macchine.

L’autopilota a 4 assi della nuova macchina consente un approccio decisamente più friendly. Finché si pilota la macchina “in manuale”, a parte le diverse prestazioni, non cambia molto. Ma, quando si inserisce l’elettronica, il mondo cambia: il pilota, da conduttore del mezzo, diventa gestore di sistemi e le possibilità si amplificano ed espandono. Percepisco che le possibilità operative di una macchina moderna come questa sono notevolmente più ampie, alleggerendo l’impegno del pilota nell’esecuzione di manovre complicate e fisicamente impegnative. Pensate ad esempio alla differenza fra un recupero con il verricello tenendo l’elicottero in hovering vicino alla parete di una montagna (magari con un po’ di vento) fatto “a mano” o con l’ausilio dell’autopilota che tiene fermo l’elicottero permettendo di spostarlo millimetricamente solo con il movimento di una sorta di joystick.

La giornata volge al termine e ne approfitto per raggiungere ancora una volta il piazzale e assistere agli atterraggi degli ultimi voli della giornata, fotografandoli con la luce del tardo pomeriggio. Ora la luce è decisamente diversa da quella della mattina e il sole più basso illumina le fusoliere dal fianco. Gli elicotteri in missione rientrano da diverse direzioni ma si allineano tutti sulla pista e compiono le medesime manovre per tornare sulle piazzole assegnate per l’atterraggio. Un’altra giornata è conclusa e le macchine possono essere ricoverate sotto il grande hangar per essere preparate alle missioni di addestramento di domani.

Il secondo appuntamento comincia dove è finito il primo. Sono infatti ancora a Frosinone per fotografare i voli notturni. Ricordo che il TH consente l’addestramento al volo strumentale con le regole del volo a vista, mhux helikopter iċċertifikat mill-IFR. Quando arrivo sul piazzale, verso le 20:00, gli elicotteri sono già schierati. È appena passato un temporale e le nuvole coprono quasi completamente il cielo: il meteo poteva andare meglio, ma non ci facciamo abbattere. Giusto il tempo di fotografare un po’ gli elicotteri mentre ancora dormicchiano e arrivano gli equipaggi a svegliarli. Dopo il consueto, accurato, controllo (alla presenza sempre discreta degli Specialisti) i piloti salgono a bordo e si apprestano ad avviare le turbine. Nel frattempo l’oscurità è calata ulteriormente. Il primo a decollare stacca i pattini da terra che sono ormai le 20:40, guidato dalle torce luminose rosse del Crew Chief, subito seguito a ruota dal secondo velivolo. Dovranno affrontare una serie di atterraggi e decolli dalle piazzole non illuminate poste dall’altra parte del sedime. Proviamo a spostarci nelle vicinanze ma sono ormai passate le 21:00 u, complici le nuvole, è ormai veramente troppo buio per provare a documentare decentemente qualcosa.

Torniamo quindi verso le piazzole per documentare gli atterraggi. Il primo si presenta intorno alle 21:30. Il cielo è ormai completamente nero e sono costretto ad alzare a dismisura la sensibilità della fotocamera. Anche in questo caso guidato dal Crew Chief, il piccolo Samba si posa dolcemente sulla piazzola, illuminandola con il faro anteriore e le luci di posizione. All’interno si possono vedere i piloti illuminati dal riflesso del cruscotto e immagino il frequentatore impegnato a coordinare ciclico, collettivo e pedaliera per far ballare il meno possibile il piccolo TH.

Xi ngħidu dwar?

Ho potuto toccare con mano una realtà viva, palpitante e trasudante di passione e impegno.
Il-livell għoli ħafna ta 'preparazzjoni tal-persunal u t-tagħmir kollu disponibbli għall-viżitaturi jagħmlu l-istruttura eċċellenza assoluta mhux biss fuq livell nazzjonali.

L-għarfien mifrux tat-twettiq ta 'kompitu importanti jidher ċar fil-Bażi: ferrovija kważi l-bdoti kollha li, b'xi mod, għinna lkoll (Forza tal-ajru, Armata, Carabinieri, pulizija, Guardia di Finanza, awtoritajiet tal-port, Dipartiment nar), huwa test ta 'responsabbiltà kbira.

MULTUM F'PARVO huwa l-motto tat-72 Ġwienaħ: hekk!

U issa jgawdu l-istampi

AviaSpotter.it jixtieq jirringrazzja: Lo Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare per aver autorizzato l’attività, il-Kmandant tat-72 ° Stormo Col. Pil. Davide CIPELLETTI, il-Maġġ. Stefano TESTA (il-Kap tal-Uffiċċju Ġenerali, 2° Ufficio), il-Maġġ. Massimiliano D’ELIA (Ufficiale P.A.O.  72° Stormo), il 1° Av. Ca. Francesco MINOTTI (Addetto P.I. 72° Stormo)

Foto di/images by Fabio Tognolo.