La consegna dell’Eurofighter, destinato al 51° Stormo di Istrana, rappresenta un traguardo raggiunto grazie alla stretta collaborazione e sinergia tra l’industria nazionale e la Forza Armata

Decollato dallo stabilimento di Caselle (TO), l’ultimoEurofighter Typhoon prodotto da Leonardo è stato consegnato, nel corso di una cerimonia venerdì 23 Oktober, all’Aeronautica Militare. Il velivolo sarà uno deicaccia intercettori quotidianamente impegnati nella protezione dei cieli del nostro Paese. Presenti all’evento il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Lag Air Force Generelt Alberto Rosso, e l’Amministratore Delegato diLeonardo, Alessandro Profumo.

La consegna di quest’ultimo velivolo, che va a completare la flotta degli Eurofighter che costituiscono il principale strumento dell’articolato e complesso sistema di difesa aerea nazionale e della NATO, rappresenta una pietra miliare per il programma“. Queste le parole del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generelt for luftlag Alberto Rosso, a margine della cerimonia di consegna del velivolo, destinato al51° Stormo di Istrana. “Il velivolo, som har vist seg å være en pålitelig maskin, fleksibel og allsidig, forbereder seg på å møte nye teknologiske utfordringer for fortsatt å garantere sikkerheten til italiensk himmel og forsvaret av nasjonale interesser, takket være et bredt spekter av operative evner som er komplementære tilluftvern, dall’Gjenkjenning av etterretningsovervåkning(ISR) før’bakken angrep(svingerolle). Le capacità che questo assetto è in grado oggi di esprimere sono il frutto della stretta e proficua collaborazione tra lindustria aeronautica nazionalee l’Aeronautica Militare; una sinergia che, oltre a sostenere e potenziare con sempre maggiore vigore ilsistema Paese”, contribuisce in modo determinante ad assolvere la nostra missione, densicurezza dei cittadini.”

Il percorso di collaborazione che celebriamo oggi, rappresentato da un aereo dalle capacità straordinarie, è frutto di una visione strategica sovranazionale di lungo periodo, politica e industriale, che ha consentito all’Europa di disporre di un proprio asset per la sicurezza e di beneficiare di un programma che ha saputo essere un acceleratore tecnologico e un motore di sviluppo unico nella storia del nostro continente“, ha dichiarato Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo. “Eurofighter Typhoon vil være et sentralt element i innovasjonsveien som tar sikte på å sikre full europeisk teknologisk suverenitet i de kommende årene“.

Den’Euro Fighter ble født som en åpen plattform, med et veldefinert teknologisk oppdaterings- og forbedringsprogram, som garanterer sin konkurransekraft gjennom hele livssyklusen. Teknologier som er i konstant utvikling, både ombord på flyet og i sammenheng med logistisk støtte, øke dens operasjonelle effektivitet, overlevelsesferdigheter og ledelsesøkonomi. ProgrammetEuro Fighter utgjør hovedpunktet forluftfartsteknologi og europeisk forsvar og som sådan gir næringene involvert enteknologisk forrang som vil garantere konkurranseevne i mange fremtidige neste generasjons programmer.

Leonardo med sine aktiviteter, innser om 36% av verdien av hele programmet, med en nøkkelrolle i luftfartskomponenten og innen elektronikk om bord, che vede l’azienda responsabile di due sensori primari (radar e IRST) e di parti fondamentali dell’avionica. Leonardo è protagonista anche dell’evoluzione dellEuro Fighter, grazie al nuovo radar a scansione elettronica AESA (Aktiv Elektronisk Skannet Array) che incrementaperformance e competitività del velivolo nell’ottica di garantire un mercato internazionale significativo per il prossimo decennio. Nello stabilimento di Caselle sono attualmente in produzione gliEuro Fighter destinati alla Forza Aerea del Kuwait, i primi che saranno consegnati in questa avanzatissima configurazione

​Il programma Eurofighter è gestito dalconsorzio Eurofighter GmbH, società con sede a Monaco (Tyskland) partecipata da LeonardoBAE Systems e Airbus Defence & Space per la Germania e la Spagna. Da parte governativa, è gestito dall’agenzia NATOEuro Fighter & Tornado Management Agency (NETMA), costituita per soddisfare le esigenze di approvvigionamento delle Forze Aeree dei quattro Paesi partecipanti: Italia, Regno Unito, Germania e Spagna.

Oltre ai quattro paesipartner, che hanno già ordinato 472Typhoon, i clienti internazionali includono oggi Arabia Saudita (72 velivoli), Østerrike (15), Oman (12), Kuwait (28) e Qatar (24), per un totale di 623 aerei ordinati.

In termini occupazionali il programma Eurofighter coinvolge in Europa più di 100 mila persone di cui oltre 20 mila in Italia (fra occupazione diretta, indiretta e indotta), con una distribuzione sul territorio che può stimarsi pari al 50% nel Nord e al 50% nel Centro/Sud.

forTyphoon lavorano nella produzione oltre 400 fornitori, di cui 200 i Italia.

kilde:
tekst: Air force – Ufficio pubblica informazione – Roma
Fotografie: Air force

YouTube
Instagram