25 December 2020

Negli ultimi giorni di dicembre è stato ufficialmente consegnato alle Forze Aeree Russe il primo esemplare di serie del nuovo caccia russo di 5ª generazione di Sukhoi, il Su 57 Felon.
L’aereo è ora presso il 929° State Flight-Test Center di Achtubinsk (območje’ avtor Astrachan ') kar v praksi obravnava Oddelek za eksperimentalni let iz Ljubljane’ Italijansko letalstvo deluje na letališču, kar je razvidno iz koordinat 48° 18’08.0″N 46 ° 13’03.0″To v Google Zemljevidih, blizu meje s Kazahstanom (v kvadratu so dobro vidni 4 od 11 prototipi letala). V uradni izjavi je bilo tudi zapisano, da nadalje 4 kopije bodo dostavljene v 2021. Spomnim se prvega prototipa Su 57 je že letel 11 Pred leti, il 29 Januar 2010, in razvojna pot je bila precej težavna in ni povsem zaključena. Sedanja letala, med drugim, namestijo motorje Saturn AL-41F1, ni dokončen in oslabljen v primerjavi z Izdeliye-30, ki bo prispel šele leta 2022.

Na podobah ruskega obrambnega ministrstva, lahko vidite letalo (z modro kodo-01) zraven MiG-a 31, ob prihodu na letališče Novosibirsk-Tolmačevo, končni cilj vseh prvih primerov stroja.

Maggiori particolari della macchina si possono apprezzare nel bellissimo servizio realizzato dalla giornalista di RT Julia Shapovalova. Il video ha suscitato diversi commenti in madrepatria, relativi al fatto che l’affascinante giornalista ha avuto accesso anche al cockpit del Felon, violando così i segreti del nuovo caccia.

Sicuramente la macchina è molto avanzata e più volte nel video viene comparata ai non più recentissimi F 22 Raptor e F 35 Lightning II occidentali. Rimane da capire il reale potenziale tecnologico dell’aereo russo visto che, do zdaj, i combattimenti aerei si decidono sulle lunghe distanze e sempre più raramente si vedranno combattimenti manovrati dove a decidere il vincitore sono i colpi di cannoncino e non un missile lanciato a decine di chilometri di distanza, magari stando al riparo di doti stealth e contromisure elettroniche.

viri:
Video: Ministero della Difesa Russo e RT
Besedilo in fotografije: AviaSpotter.it

YouTube
Instagram